Skip to content

Costruzioni, Coopfond sostiene il Piano industriale 2021-23 di Cmb

Il Fondo mutualistico di Legacoop sostiene il Piano industriale 2021-23 di Cmb con una partecipazione straordinaria al capitale sociale. Con il la cooperativa ha lanciato un progetto di forte impegno al ricambio generazionale del gruppo dirigente e dell’intera base sociale chiamato «Next Generation CMB», centrato su 3 obiettivi: crescita sostenibile, contenimento del rischio, equilibrio finanziario.

 

La Cmb di Carpi, con oltre 113 anni di attività, è un operatore primario a livello nazionale nel settore dell’edilizia e delle infrastrutture, specializzato nella realizzazione di grandi opere e nella gestione di progetti complessi. Tra i principali lavori eseguiti negli ultimi anni la ristrutturazione del Palazzo ONU a Ginevra, la Torre Libeskind di City Life a Milano. Conta 565 dipendenti, di cui già oggi il 28% sotto i 40 anni.

 

A causa degli stop dovuti alla pandemia non è stato raggiunto il valore della produzione previsto dal Piano precedente e anche gli utili netti sono in calo. Oltre al contenimento del rischio commerciale e alla conservazione dell’equilibrio finanziario, il Piano 2021-23 è finalizzato alla crescita sostenibile attraverso lo sviluppo di nuove competenze orientate all’innovazione, l’efficientamento dell’attività e il recupero di marginalità dell’attività caratteristica.

 

Il Piano prevede tra l’altro che nel 2023 il 50% del personale della cooperativa avrà un’anzianità aziendale inferiore ai 5 anni. Verrà convalidato un piano triennale di sottoscrizione di Capitale sociale e si prevede di destinare ristorni a capitale sfruttando la fiscalità ridotta dello strumento. Verrà inoltre istituito un nuovo Fondo per lo sviluppo tecnologico per la capitalizzazione dei soci sovventori, tra cui Coopfond.

 

Ti è piaciuto l'articolo?

Share on facebook
Condividilo su Facebook
Share on twitter
Condividilo su Twitter
Share on linkedin
Condividilo su Linkedin
Share on email
Condividilo via email