Coopfond agisce prevalentemente attraverso interventi rotativi, cioè concedendo prestiti o attivando partecipazioni temporanee al capitale di cooperative o società a controllo cooperativo. Gli interventi del Fondo presuppongono sempre l’elaborazione di un business plan da parte del soggetto che propone il progetto

Sono ispirati ai seguenti criteri:

  • ROTATIVITA’: L’intervento di Coopfond è sempre temporaneo con durata prestabilita, alla fine del periodo il beneficiario deve essere in grado di restituire le risorse finanziarie messe a disposizione da Coopfond
  • MERITEVOLEZZA SOCIALE: E’ fissata una priorità d’intervento rispetto ad obiettivi sociali, in particolare riforma del Welfare, salvaguardia occupazionale, inserimento lavorativo
  • INNOVAZIONE: Altra priorità d’intervento è il sostegno a progetti per lo sviluppo di nuovi mercati di riferimento e nuove modalità di erogazione dei servizi
  • REDDITIVITA’: E’ sempre prevista seppur in forma limitata (minimo 1,5% del capitale investito, tasso minimo sui finanziamenti pari al FOI)

Le finalità principali che questi interventi rotativi possono sostenere sono quattro.

Coopfond partecipa alla costituzione di nuove imprese cooperative o di nuove società a controllo cooperativo.

L’intervento può realizzarsi attraverso una partecipazione al capitale di rischio e l’eventuale erogazione di un prestito.

 

Coopfond finanzia progetti d’investimento di cooperative con positivo andamento della gestione che prevedano un effettivo incremento dell’attività aziendale e dell’occupazione.

L’intervento si concretizza attraverso l’erogazione di un prestito ed eventualmente con una partecipazione al capitale di rischio a fronte della capitalizzazione da parte dei soci.

Sono previsti interventi di consolidamento patrimoniale di cooperative già esistenti che presentino significative potenzialità di sviluppo, finalizzati al riequilibrio della struttura patrimoniale e finanziaria della cooperativa con i seguenti requisiti:

  • l’impresa beneficiaria deve essere esclusivamente una società cooperativa
  • la cooperativa deve presentare un sostanziale equilibrio economico-gestionale
  • deve avere un fatturato non superiore a 25 milioni di euro, in crescita negli ultimi 3 esercizi, un margine operativo positivo nello stesso periodo, rapporto MP/CI inferiore alla media settore
  • l’apporto non può superare l’ammontare di nuove risorse finanziarie conferite dai soci cooperatori a titolo di aumento del capitale sociale e può essere realizzato mediante apporto di capitale di rischio e /o di credito



  • Wald, il Fondo sostiene un nuovo workers buyout in Umbria
    22 Agosto 2018 - Wald, il Fondo sostiene un nuovo workers buyout in Umbria

    Perugia, 22 agosto 2018 – Nuovo workers buyout in Umbria. Nell’ultimo Consiglio di amministrazione Coopfond ha deciso di sostenere la cooperativa Wald, nata per iniziativa di 14 ex dipendenti dell’omonima Srl, specializzata nella progettazione e commercializzazione di oggetti di articoli di arredo da tavola e

    LEGGI
  • Trafilcoop, Coopfond raddoppia l’aumento di capitale dei soci
    7 Aprile 2018 - Trafilcoop, Coopfond raddoppia l’aumento di capitale dei soci

    Foggia, 7 aprile 2018 – Il Fondo mutualistico di Legacoop a fianco dei soci per il rilancio di Trafilcoop. Coopfond, che già nel 2010 aveva concesso un primo finanziamento, ha scelto di sostenere il piano per permettere al workers buyout nato nel 1985 di completare

    LEGGI
  • Soci e Coopfond insieme per il rilancio di Ponteverde
    7 Giugno 2019 - Soci e Coopfond insieme per il rilancio di Ponteverde

    Siena, 7 giugno 2019 – I soci ricapitalizzano e Coopfond entra con una partecipazione temporanea di pari importo. Un intervento in due tempi per consolidare la cooperativa Ponteverde – che svolge un ruolo di grande rilevanza sociale in piccoli comuni della provincia di Pisa –

    LEGGI
  • Sette passi per un workers buyout
    15 Novembre 2013 - Sette passi per un workers buyout

    Workers buyout. Ovvero le fabbriche salvate dagli ex dipendenti. Aziende ‘saltate’ con la crisi o in difficoltà ad esempio per mancanza di ricambio generazionale, che vengono rilevate dai lavoratori riuniti in cooperativa. Una storia che si è ripetuta tante volte nel nostro Paese, soprattutto in

    LEGGI
error: Contenuto Protetto!